Il simbolo del comunismo voluto da stalin

Il Palazzo della Cultura e delle Scienze

C

ollocato al centro della città di Varsavia, vicino alla stazione ferroviaria, con i suoi 230,68 metri, 42 piani e 3288 stanze, è parte integrante del panorama della capitale polacca, un punto di riferimento e simbolo del periodo del comunismo. Il PKiN, abbreviazione di Pałac Kultury i Nauki (Palazzo della Cultura e delle Scienze), nacque da un’idea di Joseph Stalin per fare un “dono del popolo sovietico” al popolo polacco.

Lev Vladimirovič Rudnev

L’architetto russo Lev Vladimirovič Rudnev (1885-1956)

Fu costruito tra il 1952 e il 1955 ad opera dell’architetto sovietico Lev Vladimirovič Rudnev come replica dell’edificio principale dell’Università Lomonossov di Mosca.

L’architetto russo, prima di presentare il suo progetto, visitò varie città del Paese per poter osservare l’architettura storica della Polonia.  L’imponente palazzo è infatti, stilisticamente, un ibrido dello stile art déco, del realismo socialista e dello storicismo polacco.

Nel 1956 fu installato sulla torre un enorme orologio che ancora oggi è il secondo per grandezza in Europa.

Oggi il Palazzo è sede di varie istituzioni scientifiche e culturali, caffé, librerie, palestre, università,  sale congressi, teatri, cinema e uffici.

Share